Translate

venerdì 19 luglio 2013

Omaggio a Maria Maddalena

Il 22 luglio il calendario della chiesa cattolica festeggia Santa Maria Maddalena, una delle figure femminile più discusse e misconosciute del canone. Per secoli si è cercato di sminuirne il ruolo e la credibilità, sia in quanto donna che in quanto "donna molto amata da Gesù". Non riuscendo a distruggerne la memoria si è lavorato per deformare, disinformare, occultare. Da un lato si è cercato di identificarla con la prostituta salvata da Gesù per renderla l'icona della debolezza della donna davanti al "peccato". dall'altra è diventata quasi l'icona della sensualità femminile sbrigliata e potente. Ma quasi tutti trascurano di approfondire la sua figura in quanto anima anelante alla libertà, prescelta da Gesù non per la bellezza o la seduzione ma per la sapienza, la forza d'animo e la fedeltà al suo insegnamento.

Considerate bene il significato del fatto che fu lei la prima a vedere Gesù Cristo risorto, che seppe sostenere quella vista per poi portare testimonianza fedele agli altri apostoli. Gli ALTRI apolostoli: con questo intendo che lei, come altre donne dimenticate e fuse tutte insieme nella figura della Vergine Maria Madre, era un'apostola. In diverse tradizioni questo aspetto è riconosciuto come nello gnosticismo. Da questa corrente del cristianesimo originario ci è giunto anche un bellissimo e, ahimè, frammentario vangelo firmato Maria Maddalena ( leggilo su http://www.vangeliapocrifi.it/vangelo-maria.php). Dunque apostola ed evangelista! Nel cristianesimo celtico è una figura chiave, una delle portatrici del messaggio di Gesù Cristo in Europa continentale con S.Giacomo e S.Lazzaro.

Si trascura spesso di ricordare che nell'ebraismo di duemila anni fa c'erano numerose figure sacerdotali femminili, con proprie gerarchie autonome e luoghi di istruzione. Molto c'è ancora da riscoprire sugli Esseni, ancora di più sulle donne Essene che parlavano con gli Angeli. Ne è un esempio la profetessa Anna citata nel vangelo di Luca che vide Gesù bambino e lo riconobbe subito come Messia. Maria madre di Gesù era anche lei una sacerdotessa (si dice infatti che viveva nel Tempio prima di andare sposa a Giuseppe). Sacerdotesse che si sposavano e vivevano tutte le fasi della vita in modo rituale (verginità, maternità, maturità - vecchiaia), cambiando modo di vestire e spesso anche nome ad ogni fase e servendo in differenti ambiti sociali e religiosi. Anche i sacerdoti ebrei si sposavano e procreavano, il celibato era assolutamente scoraggiato, così come l'omosessualità.

Dunque, secondo me, se nel cuore troviamo il desiderio di avvicinarci alla Maddalena dobbiamo riconoscerla come un'anima antica, profonda, saggia e illuminata prima di ogni altro aspetto. Poi possiamo anche discutere sul suo rapporto con Gesù e soprattutto sulla discendenza che, secondo varie fonti, dette a Gesù di Nazareth, da cui nacquero poi stirpi reali. Non vi sfuggiranno tutte le conseguenze di questa ipotesi, tutt'altro che peregrina, per i cristiani e in particolare per le gerarchie cattoliche. Il significato di "Santo Graal" è stato sempre più spesso avvicinato a Sang Real (sangue reale) della casate francesi e inglesi, scozzese in particolare. Un capitolo che va ancora ben scandagliato ma che non deve distrarci dall'essenziale: riconoscere in Maddalena un sorella spirituale, potente e sapiente a cui rivolgersi per trarre ispirazione.

Vi riporto ad esempio un passo del vangelo a lei attribuito, dalle vibrazioni cosmiche: Il Salvatore disse: " Tutte le nature, tutte le formazioni, tutte le creazioni sussistono l'una nell'altra e l'una con l'altra, e saranno nuovamente dissolte nelle proprie radici. Poiché la natura della materia si dissolve soltanto nelle radici della sua natura". Pietro gli disse: Giacché ci hai spiegato ogni cosa, spiegaci anche questo. Che cosa è il peccato del mondo? ". Il Salvatore rispose: "Non vi è alcun peccato. Siete voi, invece, che fate il peccato allorché compite azioni che sono della stessa natura dell'adulterio, che è detto "il peccato".

Questo prossimo 22 luglio 2013 sarà un giorno di particolare energia, con la luna piena. Vi invito a meditare sul nome di Maria Maddalena, il suo insegnamento. Io sarò alle 21.30 sul ponte di Vigo a Chioggia per onorare la santa che mi ha sempre ispirato bellissime storie, che forse potrebbero interessanti:

Le figlie della luna e gli amici delle donne

La danza della luce e delle tenebre

Potresti infine trovare utile e interessanti visitare questa pagina facebook: Holistic Christianity

Buona ricerca!

5 commenti:

  1. Maria di Magdala è, a sentir mio, quanto di più vicino nella tradizione Cristiana a quel divino femminile, chiamiamola pure Dea, che tanto amo e sulla cui strada cammino. Meglio, ne è sicuramente uno dei volti, e ti ringrazio per aver ricordato questo evento. Che non mancherò di celebrare. In un certo senso, sembra rappresentare con tutta la sua potenza proprio quelle parti di Dea che risultano "mutilate" nella figura canonica della vergine Maria, ed è per questo motivo che Maddalena raccoglie tanto consenso anche tra coloro che seguono il mio stesso sentiero.
    l'aspetto di eventuali dinastie mi colpisce meno, tranne che per il possibile clamore che ne deriverebbe in ambito cattolico.. ;) ma questo perchè credo che il tempo dell' "ereditarietà", del sangue pregiato, debba concludersi, a favore di una ritrovata (ancora utopica) consapevolezza della preziosità di ogni singolo.
    Idem per le gerarchie sacerdotali femminili, argomento che catalizza tutte le mie passioni come già forse saprai!

    RispondiElimina
  2. concordo su tutta la linea. suggerisco di lavorare meditativamente prima ripetendo solo le vocali del nome come un mantra aia aaea, dopo aver dichiarato l'intento di voler conoscere questo impulso.

    RispondiElimina
  3. Ti ringrazio per aver condiviso con me questo tuo articolo. Nulla viene per caso e questa lettura mi ha fatto da specchio su molte cose attinenti alla mia attuale situazione.
    Ti ringrazio perché silente, sei stato capace di darmi, in un certo senso..pace.
    Buon tutto Fra!

    RispondiElimina
  4. grazie a te sorella valentina! buona evoluzione!!!

    RispondiElimina
  5. Invocazione a Maria Maddalena:

    Nella ricerca della mia essenza femminile
    nel processo che mi porta alla comprensione di me
    a te, Maria, chiedo protezione
    perché possa compiere il mio percorso
    rinnovata dalla tua forza e dal tuo Spirito
    Perché possa vivere pienamente la fonte
    e la forza creativa
    che ci fu data per svolgere il nostro compito
    Perché possa ritrovarti dentro di me
    e la nostra essenza possa diffondere
    armonia, accoglienza ed amore in tutto l'Universo.
    Possa, infine, onorare il dono di essere femminile
    attraverso il dono consapevole all'essere maschile
    mio compagno nel cammino di evoluzione.
    Così sia, così è.

    RispondiElimina