Translate

mercoledì 24 gennaio 2018

Calendario Mese dell'Alleanza Alberi Umanità

Il mese dell'Alleanza Alberi Umanità

Incontri per celebrare questo antico vitale rapporto

27 gennaio + 28 febbraio 2018

Tambre (BL) ,sab. 27 gennaio
Passeggiata in Pian Cansiglio alla luce della Luna con Sandra Zanchetta, info e prenotazioni 340.0970996


Milano, fino al 4 febbraio
Concorso creativo aperto a tutti i cittadini per ideare le 20 frasi da iscrivere sui percorsi in calcestruzzo del nuovo parco pubblico Biblioteca degli Alberi. 02 45475195 / 96, info@fondazionericcardocatella.org


Porpetto (UD), dom. 28 gennaio, h 14.00
Conferenza di Pietro Maroè su nuove metodi non invasivi di valutazione di stabilità degli alberi, ospite alla giornata tecnica dei Giardinieri BioEtici, www.giardiniere.bio, info 328 7021253


Milano, dom 28 gennaio h 15.00
Presidio in difesa dei 35 ettari verdi della Piazza d'armi, Via della Rovere ang. F.F.A.A.


Livorno, dal 2 al 17 febbraio
Lezioni del Corso di potatura e gestione dell'ulivo, organizzato da Agrofauna srls, formazione@agrofauna.it, 0586 372494


Roma, sab. 3 febbraio h 10.30
Conferenza sul Birdgardening, il giardino amico degli uccelli, a cura dell'Associazione Giardinando Olgiata e dei Giardinieri BioEtici, info@giardinandolgiata.it


Roma, sab. 3 febbraio h 15.00 + 17.00
Passeggiata per riscoprire il Tevere e i suoi alberi monumentali con le associazioni Amico Giardiniere, Associazione Ecologica Romana, Giardinando Olgiata e i Giardinieri BioEtici. info@amicogiardiniere.it, 328 7021253


Roma Ostia, sab. 3 febbraio h 15.30
Alberi e foreste - Sos per nuovi attacchi ed appello in difesa del verde. Centro Habitat Mediterraneo LIPU Ostia


Roma dom. 4 febbraio, h 8.45+17.30
Giornata tecnica dei Giardinieri BioEtici sul linguaggio degli alberi (esame VTA) e loro uso terapeutico, www.giardiniere.bio, 328 7021253


Pavia, mart. 6 e 7 febbraio, h 9+17
Corso sulle Specie Aliene: cosa comunicare al pubblico? Orto Botanico in via S. Epifanio n. 14, segreteria@reteortibotanicilombardia.it


Campodarsego (PD), Merc. 7 febbraio, h 10-12
Radio Gamma 5 ospita Francisco Merli Panteghini, ideatore del mese dell'Alleanza Alberi Umanità, streaming www.radiogammacinque.it/


Valpolicella (VR), ven. 8 febbraio, h 20,20
Conferenza Che Albero è? II parte e applicazioni nel mio giardino, con Francesco Badalini info 340 4915732


Belluno, sab. 10 febbraio, h 9
Escursione invernale con le ciaspe attraverso tra la Dolomia delle Pale di San Martino e il Porfido dei Lagorai, PRENOTAZIONI ENTRO 27/01/2018 info@barbassonature.com


Santa Cristina di Quinto (TV), sab 10 febbraio, h 10.30
Conferenza sui danni provocati da errate potature con Marco Dall'Armi e i Giardinieri BioEtici, www.giardiniere.bio, info 328 7021253


Biella ven. 16 febbraio, h 20.30
Conferenza sugli Alberi e la loro funzione benefica per la nostra salute con Simone Fenio, Giardiniere BioEtico e il naturopata Eraldo Zegna, info 339 8208246


Benevento, 20 febbraio h 16-20
Corso olivicoltura biologica, presso il Vivaio Albero Della Vita. Info Marco Pulcino 349 7567917


Padova, ven. 23 febbraio h 18
Presentazione del libro Lorenza Zambon "Un pezzo di terra tutto per me": Un giardino per fiorire in ogni stagione, www.libreriapangea.com


Trento, sab.24 febbraio, h 11 e h 18
Spettacolo “Alberi” di e con Giacomo Anderle, Teatro della meraviglia , tel. 0461 217411


Saronno (Va), dom. 25 febbraio h 8.45 + 17.00
Progettare giardini terapeutici, aridi e naturali con Simone Fenio e Francesco Badalini Giardinieri BioEtici, www.giardiniere.bio, info 328 3415385


Chioggia Marina (VE), merc. 28 febbraio, h 20.30
Gli Alberi del Cuore votati dai cittadini e conferenza sugli alberi pubblici con Marco Braga e Francisco Merli Panteghini, www.amicogiardiniere.it, info 328 7021253


Vuoi segnalare eventi da aggiungere al calendario? Scrivi a Francisco a info@amicogiardiniere.it, il calendario sarà sempre aggiornato su www.amicogiardiniere.it e sull'evento facebook Alberi + Umanità = Alleanza

mercoledì 10 gennaio 2018

Un mese di incontri dedicati all'Alleanza Alberi + Uomini

Alleanza tra Umanità e Alberi

28 gennaio - 28 febbraio : un mese di incontri e iniziative

(nella foto una statua di S.Caterina da Siena, patrona d'Italia, emerge dalla corteccia di un pino domestico a Roma)

Gentile Amica/o degli Alberi,

ti invito a partecipare con un'iniziativa ad un calendario nazionale di eventi dedicati alla celebrazione del legame antico e vitale tra Umanità e Alberi. Sto diffondendo l'invito in tutto il territorio italiano per invitare tutti i soggetti interessati a partecipare semplicemente comunicando le iniziative che hanno in programma o che desiderano organizzare su questo tema o altri affini (tutela del verde, conoscenza degli alberi, corsi di formazione, gestione sostenibile delle foreste, passeggiate, visita a alberi secolari, feste dell'albero, piantagioni ecc. ecc.) per costruire insieme un calendario eventi e occasioni di conoscenza e scambio reciproco tra realtà che a livello locale condividono lo stesso concreto impegno a favore di un rapporto rispettoso e sempre più consapevole del ruolo degli alberi nella nostra vita e nel futuro stesso dell'Umanità.

Sintetizzando in un motto "No Trees, no Man": senza alberi non c'è nemmeno l'Umanità. A partire dal riconoscimento di questo rapporto vitale l'invito è quello di ricostruire consapevolmente l'Alleanza. Se avete bisogno di relatori per conferenze locali posso attivarmi tramite la rete di associazioni amiche e tramite le aziende certificate dei Giardinieri BioEtici che si sono resi disponibili anche a contribuire con piccole sponsorizzazioni.

La data ultima per l'invio delle date da inserire nel calendario è il 18 gennaio, mentre il calendario verrà pubblicato il 21 gennaio. Per qualsiasi informazione potete contattarmi direttamente chiamando al 328 7021253 o scrivendo a info@amicogiardiniere.it

Buona Evoluzione Verde,
Francisco Merli Panteghini

domenica 17 dicembre 2017

Quando ti muore un figlio...

Il Natale a Chioggia è stato funestato da un banale incidente stradale: un'auto ha urtato tre biciclette elettriche nel tardo pomeriggio, sbattendo le ragazze alla guida sulla strada e il guardrail. Chiara sembra sia morta sul colpo, le amiche ferite sono in ospedale. Condoglianze alla famiglia. Figlie che perdono i genitori diventanto orfani ma mon esiste nella lingua italiana, e forse in nessuna, una parola per dire il dolore e la condizione di un padre o madre che perdono una figlia. Non è prevista: così innaturale e rara si vorrebbe questa circostanza. A un dramma simile aveva dedicato un film Nanni Moretti anni fa: la stanza del figlio.
Quello delle biciclette elettriche è un mondo che ho scoperto trasferendomi a Chioggia: la città in cui ne ho viste di gran lunga di più, regalo ambito dai ragazzi, mezzo di trasporto per tutte le età ma per gli adolescenti un comodo ripiego dai costi e vincoli del motorino. Per le biciclette elettriche non sono previsti fanali obbligatori, assicurazione, casco o un'età minima. Alle 19.30 ieri sera l'autista semplicemente non ha visto le bici e le ha falciate. Mi dispiace molto anche per lui, perchè io stesso ho sfiorato decine di volte biciclette dalla guida spericolata, toccandone anche una nel febbraio scorso senza gravissime conseguenze.
Alcuni giornalisti hanno scritto di una tragedia annunciata, sia per la scarsa sicurezza delle biciclette elettriche che per il luogo della tragedia, lungo la statale Romea allo svincolo per il nuovo centro commerciale. Proprio all'ora dell'incidente stavamo concludendo l'animazione lungo la bella Riva Vena a Chioggia, ma poca gente nel pomeriggio freddo girava per il centro storico. Al contrario i centri commerciali si riempiono, le catene di fast food spazzatura fanno affari e attirano i ragazzi che si spingono coi mezzi disponibili lungo la statale in un'area tagliata fuori dal tessuto cittadino.
Ora è il momento del dolore, della tristezza ma anche della ricerca di un senso più alto che mi auguro le famiglie e gli amici sapranno col tempo trovare. Personalmente sono certo che nel piano divino nulla è lasciato al caso. Per due anni ho prestato opera come volontario in un'associazione trevigiana che si occupava di animare il reparto di pediatria offrendo giochi, attività, piccole gag ai bimbi ricoverati. Questo progetto "giocare in corsia" è nato parecchi anni fa attorno ad Ivka, una bambina ucraina (vi ricordate Chernobyl?) malata di tumore e ospitata all'ospedale Ca' Foncello per mesi. Alcune donne si organizzarono per farle compagnia e iniziarono a coinvolgere altre persone e bambini.
Ivka se l'è portata via il tumore che la consumava a causa delle radiazioni ma il seme d'amore che grazie a lei era stato seminato nel reparto di pediatria di Treviso ha germogliato: la locale sede LILT ha aperto un progetto "giocare in corsia" formando e seguendo volontari a entrare in punta di piedi lungo le corsie del reparto a seminare sorrisi. Si è ampliata l'area comune, è nata una vera e propria area giochi, un'aula scolastica con biblioteca per i bambini ricoverati a lungo con una maestra dedicata e persino un piacevole giardino pensile... Io auguro che, passato il tempo delle struggimento, superata la rabbia, un altro seme d'amore possa essere messo a riempire il vuoto che Chiara ha lasciato. Lascio all'Ispirazione celeste quale possa essere l'iniziativa che migliori tutta la nostra Comunità su tutti i nervi scoperti che questa vicenda ha tragicamente messo in luce. Sarò lieto insieme all'associazione Amico Giardiniere di offrire il nostro sostegno per iniziative concrete e amorevoli che dovessero nascere.

lunedì 16 ottobre 2017

Le parole sono importanti: tagliare non è potare!

Col declino dell'autunno aumenta la voglia di riordinare i giardini e provvedere alle potature di contenimento. E' presto, troppo presto! Bisogna aspettare il riposo vegetativo delle piante e anche altre condizioni favorevoli di cui parleremo in un altro contributo. La potatura è una delle pratiche colturali che ci permette di interagire con lo sviluppo delle specie legnose (alberi o arbusti che siano). Può servire a indirizzare la crescita della pianta, ridimensionarla, renderla più sicura rispetto alla spinta del vento.

Ma dobbiamo ricordare che la potatura è anche un intervento invasivo che provoca ferite all'albero e apre la strada a patogeni. Insieme alle ardue condizioni della vita in città (errato impianto, terreni poveri, calpestio, inquinamento) gli interventi di potatura errata sono la principale causa di degrado e morte delle alberature in contesto urbano. Ricordatevi sempre che potando state ferendo un essere vivente, quindi fatelo con la massima coscienza.

Il verbo "potare" o peggio ancora “tagliare” (che include concetti dall'abbattere al potare) è abusato e poco chiaro. Potare implica una volontà precisa da parte dell'operatore di arrivare a un certo risultato, competenza e strumenti adeguati. Potare = ragionare sull'architettura e la fisiologia dell'essenza. Tagliare invece è generico, si taglia il pane, il salame, la corda... si divde qualcosa con una lama senza doverne conoscere affatto la struttura o la fisiologia.

Secondo Peter Klug (autore di un utile manuale) si distingue:

1+potatura di allevamento o di formazione: serve a direzionare la crescita dei giovani alberi in vivaio o nei primi anni di messa a dimora. Poi i turni di potatura si allungano da annuale a triennale o più a seconda degli spazi disponibili e della salute dell'esemplare.

2+cura della chioma: intervento mirato a favorire lo sviluppo equilibrato dell'albero, prevenendo sviluppi indesiderati (si rimuovono rami secchi, codominanti, succhioni, rami squilibrati o danneggiati)

3+diradamento della chioma: si riduce il numero di rami piè esterni praticando dei tagli di ritorno, si applica in caso di alberi che non siano in grado di alimentare la chioma e precede un'eventuale riduzione. Qui sopra vediamo il cedro atlantica glauca della prima foto dell'articolo dopo la pulizia dei rami secchi e un forte diradamento.

4+riduzione della chioma: si riduce l'intera chioma, si usa in caso di problemi di sicurezza o età avanzata dell'albero. Si evitano tagli di grandi dimensione mantenendo la struttura delle branche principali dell'albero. Si rimuove al massimo il 30% della chioma.

5+Capitozzatura: riduzione severa della chioma con tagli di grandi dimensioni. E' un intervento da riservare solo a casi di emergenza ma purtroppo è ampiamente e praticato da persone senza alcuna preparazione professionale per le normali potatura. Spesso produce alberi brutti, con una vita notevolmente ridotta e che produrranno (se sopravvivono) nugoli di ricacci disordinati e instabili che richiedono poi nuove potature. Il 5% delle piante muore entro 2 anni.

Segui il nostro blog o la pagina facebook per essere aggiornato sui prossimi contributi in pubblicazione. Oppure richiedi una consulenza al 328 7021253 nelle regioni dove siamo presenti.

venerdì 22 settembre 2017

Giornate di formazione coi Giardinieri BioEtici

I Giardinieri BioEtici mirano a formarsi continuamente e per questo i nostri giardinieri sono tenuti a seguire almeno due seminari di aggiornamento all'anno. Queste giornate tecniche di full immersion sono itineranti ovunque ci sia richiesta. Sono state organizzate a Padova, Vicenza, Verona, Urbino e il prossimo ottobre ci sarà la prima giornata tecnica a Roma. I temi toccano i fondamenti della professionalità del giardiniere, le tecniche compatibili con un approccio "bio+logico", le novità e i prodotti da provare. Il taglio è operativo anche perchè i formatori sono solitamente giardinieri esperti o persone del settore con cui è possibile instaurare durante tutta la giornata un rapporto diretto dialogando su problemi professionali e domande applicative.

Giornata tecnica a Roma, domenica 8 ottobre 2017

LA GESTIONE DEGLI ALBERI NEI GIARDINI, CON APPROFONDIMENTI SU PALME E PINI

Relatori:

dott. Francisco Merli Panteghini, Giardiniere BioEtico, formatore e potature di lungo corso
Maurizio Cipriani, membro del capitolo SIA Lazio, arboricoltore esperto di palme
Luigi Pirozzi, agrotecnico, Giardiniere BioEtico, responsabile del servizio di giardinaggio dei Vivai Cassia

Per il programma dettagliato, costi e la location scrivere a info@amicogiardiniere.it o chiamare Francisco Panteghini al 328 7021253

Temi trattati: approccio alla potatura, fini dell'intervento e tipi di potatura, fasi fenologiche e reazione dell'albero, potature sul verde, corretto impianto, anticipazione della crescita dell'albero, cenni alla tecnica VTA e al riconoscimento funghi. Approfondimento sulla scelta, gestione, cura delle palme con particolare attenzione alla lotta al punteruolo rosso e poi sui pini, il loro apparato radicale, approcci alla potatura, metodi di lotta alla processionaria e al bostrico.

Iscrizioni entro il 2 ottobre 2017 scrivendo a info@amicogiardiniere.it o chiamando Francisco Panteghini al 328 7021253

Il programma aggiornato è su www.giardiniere.bio

Giornata tecnica a Verona, domenica 25 novembre 2017

LA PROGETTAZIONE DI GIARDINI, AIUOLE E BORDURE NELLA VISIONE DEL GIARDINAGGIO BIOETICO

Relatori: Simone Fenio, fondatore dei Giardinieri BioEtici, la progettazione nella visione del giardinaggio bioetico
Andrea Iperico, Giardiniere BioEtico, il dry garden e altre opportunità per giardini a basso impatto ambientale
dott. Francisco Merli Panteghini, Giardiniere BioEtico, il bird garden

Per il programma dettagliato, costi e la location scrivere a info@amicogiardiniere.it o chiamare Francisco Panteghini al 328 7021253

Temi trattati: elementi e tecniche di progettazione, esame di progetti, la scelta delle essenze, uso di rampicanti, le siepi miste, bordure e uso di erbacee perenni, prati fioriti, camminamenti e aree di sosta, alberature, dry garden, bird garden, orti sinergici e frutteto nel giardino.

Iscrizioni entro il 19 novembre 2017 scrivendo a info@amicogiardiniere.it o chiamando Francisco Panteghini al 328 7021253

Il programma aggiornato è su www.giardiniere.bio

domenica 20 agosto 2017

Gioire e soffrire con la Terra

Sapevo che prima o poi un giorno come questo sarebbe arrivato. Da anni il desiderio di mettermi a lavorare sulla terra cresce inesorabile. Ancora ad un livello hobbistico e con tante cose da imparare, ma la strada è segnata e si arricchisce ogni anno. Non dipendo economicamente dal mio piccolo campo e anzi a fare i conti la perdita è netta. Ma è un altro tipo di bilancio e di esperienza quella che cerco, almeno per ora.
Coltivare la terra è coltivare se stessi. E' una disciplina che ti offre continue lezioni. Se qualcuno ha difficoltà a comprendere la legge del karma forse coltivando qualche anno un orto potrebbe farsi qualche idea in più. Raccogliendo e riseminando i propri semi, imparando a progettare e programmare, lavorando il terreno e lottando con le erbe infestanti a cui la disattenzione, i giorni di pioggia o altri impegni hanno concesso troppo spazio.
Le soddisfazioni sono molte: visibili nei frutti raccolti, nel capire se sei intervenuto al momento giusto, nelle forme che hai realizzato, nel contenimento di malattie e parassiti. E dopo la raccolta si apre l'altrettanto appassionante ma anche impegnativa fase di trasformazione e conservazione dei prodotti: salsa di pomodoro, verdure sott'aceto, conserve.
Poi arriva una tempesta, come quella di ieri e ti devasta tutto: grandine a secchiate, vento e pioggia per un'ora si scatenano nel tuo orto e non ti resta che contemplare i resti delle tue piante, perchè ormai le senti profondamente tue. Ieri mi aggiravo stordito, tra il curioso e l'inorridito, per il campo colmo di ristagni d'acqua, piante maciullate, frutti ammaccati. Mi pareva di visitare il campo di battaglia nell'ora del soccorso, senza saper bene cosa fare, compartecipe di tanto strazio. Non ho pianto, ma forse sarebbe stato più semplice e saggio farlo. Invece sono rimasto bloccato con la schiena, forse per la troppa tensione.
Per un momento ho preso seriamente in considerazione l'ipotesi di mollare tutto, chiamare un trattore, far girare tutto e salutare i gentilissimi padroni di casa che mi hanno affittato il terreno e sostenuto. Ma questa passione è più forte e vuole vivere ogni aspetto delle relazione con la Terra, gioire e soffrire insieme e poi maturare esperienza e diventare saggio come il mio ottantenne vicino che ne ha viste tante e domani farà la conta dei veri danni, tratterà con verderame e con tranquillità ripianterà quel che si può, accettando la perdita come un evento naturale che prima o poi doveva succedere. Amare significa anche questo, ed è questo linguaggio che voglio imparare ogni giorno di più. "Io lo so che non sono solo anche quando sono solo. E rido e piango e mi fondo con il Cielo e con il Fango... che l'unico pericolo che sento veramente è quello di non riuscire più a sentire niente: la passione che fa crescere un progetto, l'energia che si sprigiona in un contatto..."

martedì 1 agosto 2017

Amico Giardiniere: 4 anni di passione e risultati

Dalla sua fondazione l'associazione Amico Giardiniere, pur con un ristretto numero di soci iscritti (che ha raggiunto il picco nel 2015 con circa 40 soci), ha avuto sempre una taglio operativo e di impegno diretto dei soci in situazioni locali di lotta al degrado, riqualificazione, valorizzazione del patrimonio verde. Per questa ragione siamo stati promotori e partner di numerose iniziative attestate anche da una lunga serie di articoli e recensioni (ne citerò alcune a fine della relazione). Sono orgoglioso del lavoro svolto, felice di aver incontrato tante persone disposte a spendersi in prima persona per ciò in cui credono. Capisco benissimo che ciascuno ha i suoi momenti della vita e che chi ha dato tanto per i primi anni ora abbia altre priorità, mi piace però pensare che serbi un piccolo posto nel suo cuore per le cose belle e utili che abbiamo fatto insieme e che, se vorranno, potremo ancora fare... mercoledì 6 settembre h 20.30 a palazzo Goldoni Chioggia ci riuniremo per la nuova assemblea dei soci per l'inizio dei nuovi tesseramenti, avvio attività, ricerca nuovi coniglieri, avvio Ciurma dei Birichini, attività nel bosco nordio e accogliere altre proposte.

2013

Anno di avvio dell'associazione con la vecchia sede a Mestre dove si impegna nel recupero e riaffido di piante scartate o regalate per i più svariati motivi. Questa iniziativa prende il nome di Verde Ospitale Samvise Gamgee e si concluderà nel 2015 con la progressiva sospensione delle attività nell'area di Mestre per carenza di soci volontari. Amico Giardiniere ha organizzato corsi di formazione su temi specifici e tre conferenze presso altre associazioni. Temi: tecniche di giardinaggio, gestione verde pubblico, tutela alberi. Lo stile è informale e diretto, privilegia l'esperienza e lo scambio all'interno del gruppo di partecipanti in una dimensione seminariale A Chioggia e Codevigo l'associazione inizia una serie di giornate ecologiche per la pulizia di canali cittadini e argini lagunari. Inoltre l'associazione presenta all'assessoressa all'Ambiente una bozza di regolamento del verde cittadino che ripresenterà puntualmente a tutti coloro che si alterneranno a questa delega fino al 2017 (ben 5 assessori) anno di approvazione di un regolamento del verde che riprende in massima parte tutte le proposte dell'associazione. Alcuni soci di Amico Giardiniere partecipano alla maratona dello sciopero della fame contro la devastazione ambientale proposta dai Beati Costruttori di Pace.

2014

A Mestre l'associazione propone alcune iniziative di pulizia nei parchi pubblici e sigla con l'ente Grandi Parchi del Comune di Venezia un accordo per la gestione del Roseto del parco Bissuola. L'associazione partecipa al forum per il contratto di fiume del Marzenego A Chioggia proseguono le giornate ecologiche in parchi, argini lagunari e diga foranea che raggiungono il numero record tuttora imbattuto di 12 appuntamenti in un anno. Si organizza un flash mob danzante sulla diga foranea dopo aver raccolto decine di sacchi di immondizie abbandonati dai gitanti. Nasce inoltre l'idea di riunire le associazioni cittadine di Chioggia attorno al binomio sport e natura con una festa sulla laguna del Lusenzo che si chiamerà Lusenzo nel Cuore.

2015

Amico Giardiniere organizza un corso di formazione sulla gestione del verde pubblico in collaborazione col Comune di Codevigo (PD) Si conclude, per mancanza di volontari attivi la collaborazione nella gestione del roseto al parco Bissuola di Mestre. Amico Giardiniere promuove a Chioggia un incontro pubblico di presentazione dei contenuti ecologici della enciclica Laudato Sii di papa Francesco. All'oasi di Ca' Roman prima iniziativa comune tra Lipu e Amico Giardiniere per la pulizia della spiaggia e la tutela della nidificazione dei fratini. Seconda edizione della festa Lusenzo nel Cuore. Caccia al tesoro al Bosco Nordio per le famiglie.

2016

Giornate ecologiche nell'area di Chioggia. Sensibilizzazione e interrogazione consiliare sulle capitozzature dei pioppi alla darsena Mosella, nel giro di alcuni mesi gli alberi vengono abbattuti e sostituti come chiesto dall'associazione senza aggravio per il Comune. Amico Giardiniere organizza il Gioca Natura: giornate di gioco e esplorazione al bosco Nordio per bambini. Presentazione progetto di collaborazione con l'istituto comprensivo Chioggia 1 Terza edizione della festa Lusenzo nel Cuore. Visita alla quercia secolare di Fossalta di Portgruaro

2017

Continuano le giornate ecologiche con la pulizia della Riva Vena, la spiaggia (insieme alle associazioni Fare Verde e Apnea Doc), e forte S.Felice (insieme all'associazione Lagunari e al comitato per il forte san Felice) Visita all'oasi di Cervara. L'associazione aderisce al comitato contro la costruzione dell'impianto GPL a Chioggia. Collaborazione con la scuola materna di Cavanella d'Adige (frazione di Chioggia). Avvio del progetto con l'istituto comprensivo Chioggia 1 che coinvolge la scuola Marchetti, Padoan e Gregorutti. Oltre a lezioni ed esperienze di coltivazione in vaso l'associazione provvede alla riqualificazione del giardino della scuola Marchetti e Padoan e all'avvio di un orto alla Marchetti. Quarta edizione della festa Lusenzo nel Cuore. In questa occasione viene anche lanciata una raccolta di disegni per chiedere la Comune il rispetto della legge “un albero per ogni nato” che non è mai stata applicata a Chioggia. Amico Giardiniere lancia la petizione per una legge che vieti la mutilazione degli alberi in collaborazione con i Giardinieri BioEtici, Lipu Veneto, Fare Verde (testo completo su change.org). L'associazione organizza un sit in di protesta contro l'avvelenamento dei platani di campo Cannoni.

Progetti futuri

A Chioggia l'associazione si dedicherà a sviluppare tre temi: la valorizzazione della qualità ambientale (laguna e aree verdi) con pulizie periodiche, escursioni, iniziative formative; la collaborazione con le scuole e la preparazione di attività di gioco in natura per i bambini; la serrata vigilanza sull'applicazione del nuovo regolamento del verde cittadino.

Articoli stampa cartacea su eventi organizzati dall'associazione (solo per citarne alcuni tra i più recenti)

Martedì 12 Gennaio 2016, Il Gazzettino, pagina locale, SOTTOMARINA - L'associazione Amico Giardiniere contro la potatura dei pioppi
19 marzo 2016, La Nuova Venezia, pagina locale,“Amico Giardiniere” volontari al lavoro per togliere i rifiuti sul ponte Translagunare
5 gennaio 2017, La Nuova Venezia, pagina locale,“Amico giardiniere” organizza la pulizia di Canal Vena
1° febbraio 2017, La Nuova Venezia, pagina locale, Un mare di rifiuti: Ripulita la spiaggia dei bagni Clodia
Domenica 19 Marzo 2017, Il Gazzettino, pagina locale, Potatura estrema, scoppia polemica (sulle assurde capitozzature dei pioppi alla scuola Nicolò de Conti)
Sabato 15 Aprile 2017, Il Gazzettino, pagina locale, Tentano di avvelenare i platani di campo Cannoni
22 aprile 2017, La Nuova Venezia, pagina locale, Nuovi nati, alberi mai piantati bambini invitati a disegnarli
Giovedì 27 Aprile 2017, Il Gazzettino, pagina locale, 1° maggio dedicato all'Ambiente (sulla festa Lusenzo nel Cuore IV edizione)
5 luglio 2017, La Nuova Venezia, pagina locale, SOTTOMARINA. Oltre 100 sacchi di immondizie raccolti dai volontari di Amico giardiniere che sabato hanno arricchito la visita straordinaria del Forte di San Felice con una pulizia eccezionale

Chioggia, 2 agosto 2017

Il presidente

Francisco Merli Panteghini